Approfondimenti in Diritto Amministrativo Militare e Concorsi pubblici

Novembre 23, 2020 97

I tatuaggi nelle prove concorsuali: Quando posso diventare causa di esclusione

in Concorsi
Un tatuaggio può essere causa di esclusione da un concorso per le Forze Armate? La risposta è, ovviamente, sì. L’esclusione, però, non è automatica: perché il tatuaggio sia causa di esclusione da un concorso per le Forze Armate e Forze di Polizia, infatti,…
Ott 27, 2020 145

Il WHISTLEBLOWING in ambito militare

in Diritto Militare
Sommario: 1. Premessa. – 2. Le finalità del whisteblowing. - 3. Le fonti normative e…
Ago 10, 2020 381

Il ricorso avverso le prove psicoattitudinali

in Concorsi
E' possibile vincere un ricorso avverso i provvedimenti di esclusione che attengono i…

Approfondimenti in Diritto Penale Militare

Novembre 08, 2020 109

Insubordinazione e abuso d'autorità

in Diritto Penale
Se ti stai chiedendo in cosa consista il reato di insubordinazione militare e quello di abuso d'autorità annoverati nel codice di diritto penale militare, sei nell'articolo giusto. Continua, infatti, l’approfondimento dello Studio Legale Marro in tema di…
Ott 11, 2020 193

Il reato di Disobbedienza - art. 173 Codice Penale Militare di Pace

in Diritto Penale
Continua l’approfondimento dello Studio Legale Marro in tema di diritto penale militare…
Mag 31, 2020 2893

Il Reato di ingiuria militare

in Diritto Penale
Uno dei problemi che riguarda la Giustizia militare è proprio quello del coordinamento…
Apr 05, 2020 1068

Distruzione o sabotaggio di opere militari ex art. 167 c.p.m.p. e danneggiamento di edifici militari ex art. 168 c.p.m.p.

in Diritto Penale
Nel corso della pluriennale esperienza in diritto penale militare, lo studio legale…
Giu 02, 2019 6219

Le minacce nell'ambiente militare

in Diritto Penale
Molto spesso, nell'ambito della gerarchia militare si sente spesso di casi in cui un…

Le Vittorie e gli Approfondimenti più seguiti

Ott 20, 2017 48064

L'art. 42 bis e l'incarico

in Diritto Militare
di P. MARRO Ancora un'altra importante vittoria per lo Studio legale Marro e per i suoi…
Apr 03, 2017 40867

La violata consegna

in Diritto Penale
di S. Maiella IL CASO Continua l'approfondimento dello Studio legale Marro in tema di…

La normativa in tema di riconoscimento dei benefici spettanti allo status di Vittima del Dovere e Vittima del Terrorismo è molto complessa ed intricata. Per quanto concerne lo status di vittime del dovere bisogna bisogna preliminarmente definirne i destinatari che sono: i "soggetti (militari o civili) deceduti o che abbiano subito un’invalidità permanente in attività di servizio o nell’espletamento delle funzioni d’istituto per effetto diretto di lesioni riportate in conseguenza di eventi verificatisi in una serie di circostanze" ben definite. 

In secondo luogo la normativa accomuna le vittime del dovere cd. "equiparate" ovvero coloro "che abbiano contratto infermità permanentemente invalidanti o alle quali consegua il decesso, in occasione o a seguito di missioni di qualunque natura, effettuate dentro e fuori dai confini nazionali e che siano riconosciute dipendenti da causa di servizio per le particolari condizioni ambientali od operative".

Lo Studio Legale Marro con sede principale a Milano, Roma e Torino ma operativo in tutta Italia è competente nell'istruire domande di riconoscimento per Vittime del Dovere e Vittime del Terrorismo oltre che proporre ricorso dinanzi all'organo giurisdizionale competente in caso di mancato riconoscimento che al contrario di quanti possano pensare per le vittime del dovere non è la Corte dei Conti.

Di seguito una breve ma esplicativa tabella dei benefici.

 

VITTIME DEL TERRORISMO

 

Beneficio/Importo in Euro

Destinatari

200.000,00 soggetta a rivalutazione automatica oppure assegno vitalizio

Familiari e conviventi a carico

Fino a 200.000,00 soggetta a rivalutazione automatica

Soggetto con invalidità permanente non inferiore all’80%

2.000,00 per punto %

Per i soggetti infortunati

258,23 mensili quali assegno vitalizio soggetto a perequazione automatica (fino a 500 euro)

Superstiti (anche figli maggiorenni), infortunati con invalidità inferiore a 1/4

1.033,00 euro mensili soggetti a perequazione automatica

Superstiti (anche figli maggiorenni)

Assegno vitalizio

Coniuge e figli dell’invalido permanente (almeno al 50%) anche se il matrimonio e i figli sono subentrati successivamente all’attacco terroristico.

Non spettato a tali soggetti qualora il beneficio era già stato previsto a favore dell’ex coniuge deceduto o divorziato o figli di un precedente matrimonio.

2 mensilità di pensione, comprensive di tredicesima

Superstiti aventi diritto alla pensione di reversibilità in caso di decesso

Incremento della retribuzione pensionabile al 7,5% (quale TFR o simile)

Vittime, vedove e orfani

Aumento figurativo di 10 anni ai versamenti contributivi per pensione/buonuscita

Invalidi permanenti indipendentemente dal grado; familiari delle vittime (coniuge e figli anche maggiorenni); coniuge e figli dell’invalido anche se matrimonio e figli subentrati successivamente (purchè non i genitori non ne beneficiavano già); genitori

Pensione pari all’ultima retribuzione maggiorata del 7,5% + aumento di 10 anni di anzianità

L’aumento di 10 anni è previsto a favore di coloro che hanno una invalidità non inferiore a ¼

Esenzione IRPEF delle pensioni comprensive il bonus e per le pensioni di reversibilità

Beneficiari delle pensioni

Revisione delle % di invalidità

Invalido permanente

Adeguamento della misura della pensione

Superstiti

Diritto al collocamento obbligatorio

Vittime del terrorismo; coniuge; figli superstiti; fratelli conviventi a carico

Borse di studio per ogni anni di scuola elementare, secondaria e universitari

Vittime; figli e orfani

Esenzione dalla spesa sanitaria e farmaceutica (anche per medicinali di fascia C)

Vittime; familiari dei deceduti

Assistenza psicologica a carico dello Stato

 

Esenzione dall’imposta di bollo per gli atti connessi alla liquidazione dei benefici

 

Patrocinio nei procedimenti penali, civili, amministrativi e contabili a carico dello Stato

 

Benefici di cui alla L. 206/04

Anche per gli aventi avvenuti all’estero dal 1.01.1961 a carico di cittadini italiani residenti in Italia al momento dell’evento.

 

VITTIME DEL DOVERE

 

Data

Benefici/Importo in euro

Destinatari

 

 

 

 

 

 

 

 

Dall’1.01.2006

Assegno vitalizio di 258,23 euro mensili soggetto a perequazione annua

Tutti i superstiti (anche figli maggiorenni); infortunati con invalidità permanente non inferiore a ¼ della capacità lavorativa

Revisione delle % di invalidità

 

Esenzione dal pagamento di ticket per ogni prestazione sanitaria

 

Riconoscimento del diritto all’assistenza psicologica a carico dello stato

 

Esenzione dall’imposta di bollo per i documenti e atti delle procedure di liquidazione dei benefici

 

Esenzione delle indennità erogate da ogni tipo di imposta

 

Diritto al collocamento obbligatorio

Vittime; coniuge, figli e fratelli conviventi a carico dei superstiti

Borse di studio esenti da imposizione fiscale per ogni anni di scuola elementare, secondaria e università

Vittime; figli e orfani

Dall’1.02.2007

200.000,00 euro soggetta a rivalutazione automatica

Superstiti aventi diritto o a soggetti con invalidità permanente non inferiore all’80%

2.000,00 euro per punto % di invalidità

Infortunati

Dall’1.01.2008

Assegno vitalizio non reversibile di 1.033,00 euro mensili soggetto a perequazione automatica

Superstiti (anche figli maggiorenni); infortunati con invalidità permanente non inferiore a ¼ della capacità lavorativa

Due annualità di pensione comprensive di tredicesima

 

 

Se ritieni di aver diritto allo Status di Vittima del dovere ma non conosci bene la normativa di riferimento ovvero ti è stato negato a seguito di un'apposita istanza non esitare a contattare gli esperti del settore. Per tali problematiche il primo consulto è assolutamente senza impegno.

Per prenotare una consulenza oppure per sottoporci il caso ovvero ancora per proporre ricorso avverso un mancato riconoscimento invia una mail ad Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure un messaggio WhatsApp al 3296262350.

 

LEGGI DI PIU' SULLE CAUSE DI SERVIZIO E VITTIME DEL DOVERE