Eccezionale vittoria al Consiglio di Stato per lo Studio legale Marro e per i suoi assistiti in merito al trasferimento temporaneo ex. art. 42 bis del D. Lgs. 151 del 2001.

In particolare lo studio si è occupato del caso di un finanziere a cui era stata respinta la richiesta di assegnazione temporanea ex. art. 42bis del D.Lgs. 151 del 2001. Il motivo a sostegno del diniego era unicamente il rilevante deficit dell'attuale sede di servizio in Sardegna.

A seguito del ricorso di I grado presso il Tribunale Amministrativo Regionale della Sardegna, sede di Cagliari, veniva respinta l'istanza cautelare adducendo in particolare che "il ricorso non appare assistito da adeguato fumus boni iuris, atteso che:

- l’art. 42 bis del d.lgs. n 151 del 2001 prevede come condizioni del trasferimento la sussistenza di un posto vacante e disponibile di corrispondente posizione retributiva nonché l’assenso delle amministrazioni di provenienza e destinazione;

- il diniego appare adeguatamente motivato con riferimento alle esigenze di servizio e alla impossibilità di provvedere all’avvicendamento con altre unità

di personale;

- che la domanda di trasferimento potrà essere nuovamente proposta in futuro, ove le predette condizioni dovessero mutare."

Tuttavia l'Avvocato Marro proponeva immediatamente appello cautelare al Consiglio di Stato, il quale, con una importantissima ordinanza (n. 2896/2019 del 07.06.2019), riformava l'ordinanza di I grado ed accoglieva l'appello con richiesta al TAR Sardegna di fissare udienza di merito con sollecitudine affermando anche che "secondo la consolidata giurisprudenza cautelare della Sezione (da ultimo ordinanza n. 4079 del 2018), la norma impone all’amministrazione l’onere di supportare l’eventuale diniego con riferimenti specifici e circostanziati alla professionalità del militare istante e alla conseguente sua insostituibilità nella sede di appartenenza (motivazione non sussistente nel caso di specie)".

 

LA NORMA

L’istituto in esame è l’art. 42 bis del D.Lgs. 151 del 2001  introdotto con l’art. 3, co. 105 della L. 24 dicembre 2003, n. 350, modificato poi attraverso l’art. 14, co. 7 della L. 7 agosto 2015, n. 124.

La norma è rubricata “Assegnazione temporanea dei lavoratori dipendenti alle amministrazioni pubbliche” e recita nel testo “1. Il genitore con figli minori fino a tre anni di età dipendente di amministrazioni pubbliche di cui all'articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni, può essere assegnato, a richiesta, anche in modo frazionato e per un periodo complessivamente non superiore a tre anni, ad una sede di servizio ubicata nella stessa provincia o regione nella quale l'altro genitore esercita la propria attività lavorativa, subordinatamente alla sussistenza di un posto vacante e disponibile di corrispondente posizione retributiva e previo assenso delle amministrazioni di provenienza e destinazione. L'eventuale dissenso deve essere motivato. L'assenso o il dissenso devono essere comunicati all'interessato entro trenta giorni dalla domanda e limitato a casi o esigenze eccezionali. 2. Il posto temporaneamente lasciato libero non si renderà disponibile ai fini di una nuova assunzione. “

Di certo la ratio del legislatore nella formulazione della norma è stata quella di favorire il dipendente nell’avvicinamento alla residenza dell’altro genitore nel caso di prole con età inferiore a tre anni. Con ciò al fine di contribuire in maniera determinante alla crescita del fanciullo in tenera età data la necessaria compresenza di entrambi i genitori. Quindi la figura tutelata dalla norma è senz’altro il fanciullo entro i primi tre anni di vita.

 

COSA SI PUA’ FARE IN CASO DI RIGETTO

Contatta subito lo Studio Legale Marro (CLICCA QUI). In caso di rigetto si può adire il TAR competente entro 60 giorni dalla notifica. In questo caso inviateci subito il preavviso di rigetto all’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. preannunciandolo attraverso un messaggio WhatsApp al numero 3296262350 ed insieme valuteremo senza impegno se sussistono i presupposti per un ricorso.

 

Approfondimenti in Diritto Amministrativo Militare

Luglio 02, 2020 23

Rideterminazione della liquidazione - Applicazione dei 6 scatti stipendiali

in Diritto Militare
RICORSO AMMINISTRATIVO PER LA RIDETERMINAZIONE DELLA LIQUIDAZIONE APPLICAZIONE DEI 6 SCATTI STIPENDIALI Molti militari e appartenenti alle Forze di Polizia, sia ad ordinamento militare che civile, hanno contattato lo studio legale MARRO e quello dell'Avv.…
Mag 05, 2020 2618

Importantissime novità legislative in tema di trasferimento temporaneo ex. art. 42 bis D. Lgs. 151 del 2001 alla luce dei correttivi ai riordini

in Diritto Militare
Come noto il correttivo dei riordini di cui ai decreti Legislativi 172 e 173 del 2019 ha…
Mar 17, 2020 4121

I principali motivi di annullamento e di ricorso avverso la documentazione caratteristica

in Diritto Militare
Il problema della valutazione dei militari è una questione molto sentita dagli stessi ed…

Approfondimenti in Diritto Penale Militare

Maggio 31, 2020 2481

Il Reato di ingiuria militare

in Diritto Penale
Uno dei problemi che riguarda la Giustizia militare è proprio quello del coordinamento tra le disposizioni contenute nel Codice Penale Militare e quelle del Codice Penale. In particolare tra norme che prevedono sanzioni differenti per medesime fattispecie…
Apr 05, 2020 769

Distruzione o sabotaggio di opere militari ex art. 167 c.p.m.p. e danneggiamento di edifici militari ex art. 168 c.p.m.p.

in Diritto Penale
Nel corso della pluriennale esperienza in diritto penale militare, lo studio legale…
Giu 02, 2019 5671

Le minacce nell'ambiente militare

in Diritto Penale
Molto spesso, nell'ambito della gerarchia militare si sente spesso di casi in cui un…

Le Vittorie e gli Approfondimenti più seguiti

Ott 20, 2017 47124

L'art. 42 bis e l'incarico

in Diritto Militare
di P. MARRO Ancora un'altra importante vittoria per lo Studio legale Marro e per i suoi…
Apr 03, 2017 39419

La violata consegna

in Diritto Penale
di S. Maiella IL CASO Continua l'approfondimento dello Studio legale Marro in tema di…